MENTHA PIPERITA CHOCOLATE MUFFINS

New Recipe By Gnam Box :-)
200 gr kamut flour
90 gr brown sugar
2 tablespoons baking powder
60 gr butter
1 egg
80 ml milk
80 gr yogurt
salt

Heat oven to 200°. Melt butter in a pan over low heat.
In a bowl stir together kamut flour, sugar, baking powder and salt.

In another bowl mix with a whisk milk, egg, yogurt and melted butter (must be cold).


Stir all the ingredients and in the end add chocolate chips.


Helping with a spoon put the batter evenly into the prepared pan. Sprinkle tops of muffins with brown sugar.

Bake for 25 minutes. Cool 5 minutes before removing from oven. Serve warm…. gnam!

Torta di gelato

 

 

Buongiorno a tutti amici e amanti delle cose buone.

Da poco abbiamo iniziato a collaborare con i foodbloggers perché crediamo che sia una cosa interessante.

Riportiamo le loro ricette per darvi degli spunti, credendo che un buon momento in cucina,

magari in compagnia di amici o della famiglia sia molto importante.

Blog: Omin di Pan Pepato

Sì, lo so cosa stai pensando: stai pensando che fuori fa freddo e che vuoi una cioccolata calda o una torta di mele. E che non è il momento per il gelato.

Ma prima, ti prego, leggi la ricetta: pensi veramente che avrai in dispensa tutte queste cose, a Luglio? E, soprattutto, pensi veramente che a Luglio avrai voglia di cioccolato, torrone, mandorle glassate, panettone?

Mi è venuta l’idea di preparare una torta gelato vedendo la barocchissima foto di quella di Nigella Lawson, un concentrato di golosità e lussuria, completamente realizzato, però, con ingredienti praticamente introvabili qui: hai mai sentito parlare di gocce di cioccolato al burro di arachidi, barrette Crunchy o Biscotti Bourbon? Io no, posso solo immaginare che siano molto calorici. E questo equivale a buoni.

Quindi mi sono industriata per reperire dei degni sostituti che, per puro caso, facevano quasi totalmente parte delle vestigia natalizie: il croccante a scaglie, che nei gelati è perfetto, del panettone sbriciolato grossolanamente, un tocco agrumato per profumare e tanto cioccolato, in due versioni nettamente contrastanti, una dolcissima tavoletta al latte e un fondente deciso, perché, per dirla alla Bill Granger, quando si prepara un dolce al cioccolato bisogna utilizzare quello che si ama mangiare in tavoletta e visto che in famiglia abbiamo gusti totalmente opposti… ti lascio indovinare quale sia la mia preferenza e quale, invece, quella di Topy.

E francamente sono contenta di aver impiegato così i miei dolci natalizi, anche se la dispensa vuota, adesso, mi immalinconisce un filino, un po’ come l’angolo dove fino a pochi giorni fa troneggiava l’immenso albero di Natale e che ora è spoglio.

Con queste dosi puoi ottenere due piccole torte gelato da 20 cm di diametro o una grande da 26. Oppure preparare una sola torta piccola e mangiare il resto del composto a cucchiaiate, come ho fatto io, a temperatura ambiente, mentre aspetti che la base della torta congeli, e poi dedicarti alla decorazione, che, senza false modestie, trovo di una bellezza sinceramente imbarazzante.

Per realizzarla, però, ti serve il Kroccante, che solidifica a contatto con il freddo, non un topping al cioccolato qualsiasi, altrimenti colerà via, quello lo puoi aggiungere come extra, sulle singole fette, come ho fatto io.

 

Ingredienti:
Per decorare:
  • Mandorle e nocciole al miele (che mi ha regalato Micaelaqui la ricetta) oppure mandorle non pelate caramellate nel miele per qualche minuto
  • Kroccant Fabbri 
Procedimento:
Aiutandoti con un mattarello, spiana le due fette sottili di panettone fino a ridurle a una sfoglia e adattale al fondo di due piccole tortiere (o di una tortiera grande) a cerniera, per rivestirlo completamente. Bagnale con il Cointreau.
Spezzetta le scaglie di torrone e il cioccolato, ma non fare pezzi troppo piccoli, diciamo che devi dividere ogni quadretto della tavoletta in due, non di più: personalmente mi piace trovare, nella cremosità ricca della panna, qualche sorpresa croccante. Se tu però preferisci un risultato più omogeneo e non hai invitato me per cena, sbriciolale più minutamente. Riduci in briciole anche il panettone.
Monta la Hulalà finché non sarà ben ferma, quindi incorpora le marmellate Fiordifrutta, amalgamandole perfettamente. Unisci il resto degli ingredienti, mescola con delicatezza e versa il composto sulle basi di panettone.
Livella la superficie e riponi in freezer per tutta la notte.
All’indomani, togli il cerchio della tortiera e, aiutandoti con una placca piatta, solleva la torta dalla base e trasferiscila su un bel piatto da portata.
Spargi disordinatamente la frutta secca sulla superficie e decora con il Kroccante.
Rimettila in freezer, ma al momento di servirla, ricordati di estrarla 5 minuti prima, per farla ammorbidire e renderla nuovamente cremosa come un vero gelato.

Salsa al Cacao

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vi consigliamo questa buonissima ricetta presa dal blog icanhaspancakes di Camilla Porlezza.

 

Ingredienti

  • 70 gr di panna
  • 60 gr di cacao amaro
  • 165 gr di zucchero
  • 130 gr di acqua

Procedimento

In un pentolino, portiamo a ebollizione acqua, panna e zucchero. Non appena inizia a bollire, aggiungiamo… continua sul blog

 

Temperare il cioccolato.

Qualche breve indicazione su come temperare il cioccolato a casa, senza troppi intoppi tecnici.
ecco di cosa avete bisogno:

  • un piano in marmo
  • un pentolino ed una ciotola, meglio se in acciaio
  • una spatola (reperibile anche in ferramenta)
  • una spatola lunga
  • un termometro da cucina (o molto intuito)

Sciogliete il cioccolato a bagnomaria facendo attenzione a mantenere la temperatura del cioccolato intorno ai 50 c°.

 

 

 

 

 

 

 

Quando tutto il cioccolato sarà sciolto versatene circa 2/3 sulla superficie di marmo e spatolate in maniera che la temperatura scenda intorno ai 29 c°.

 

 

 

 

 

 

 

A questo punto riversate il cioccolato ormai freddo nella ciotola e mischiatelo con il restante cioccolato.

 

 



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A cosa serve sostanzialmente la messa in tempera del cioccolato?
Quando il cioccolato viene fuso i grassi contenuti al suo interno cristallizzano in maniera disomogenea, causando la formazione di una patina bianca superficiale. Il processo di temperaggio permette alla massa di cacao di precristallizzare e quindi di disporsi omogeneamente, evitando l’imbiancamento della superficie.

Nel prossimo articolo ci occuperemo di crema base.
Stay tuned!
Alfredo

 

p.s. Musica consigliata per l’operazione: (il ritmo è quello giusto)
Happy go lucky girl, Paragons.

 


© Copyright Marangoni Cioccolato - P.iva IT01293020432 - Designed by Valentina Marchionni - Scrivici -